Museo del Contadino, la storia del vino

Il Museo del Contadino di Casa d’Ambra (nota azienda vinicola), ripercorre la storia e l’economia vitivinicola dell’isola dall’epoca Greci fino ai giorni nostri. Un Viaggio nel tempo attraverso le tecniche e gli utensili utilizzati dai contadini. Il Museo del Contadino, che si trova a Panza frazione di Forio d’Ischia, è stato recentemente affiancato al punto vendita e degustazione dell’azienda, un piccolo locale adibito ad archivio storico, con testimonianze di estimatori d’eccezione di Casa D’Ambra: da Luchino Visconti, a Peppino De Filippo, Domenico Rea, Veronelli etc. Le visite in cantina e al vigneto Frassitelli sono guidate dal personale dell’azienda.

Il museo di “Casa D’Ambra”

All’interno del Museo del contadino di Casa D’Ambra sono esposte e catalogate le solfatrici in uso dalla seconda metà del XIX secolo fino agli anni ‘50 del ‘900. Potrete anche ammirare la pietratorcia, un enorme masso tufaceo a forma di campana che veniva utilizzato per la seconda spremitura dei grappoli dopo che questi erano stati pigiati la prima volta con i piedi all’interno di vasche di lapillo igienizzate con la calce.

Nel Museo del contadino di Casa d’Ambra vi è anche anche una preziosa ricostruzione presepiale del centro storico di Forio in cui fanno bella mostra di sè la chiese di Santa Maria di Loreto e del Soccorso e i palazzi storici che si affacciano sul corso Francesco Regine.

 

Visitare Ischia - Museo del Contadino - Ischia Like

 

La storia del vino di Ischia in un museo

Al piano terra del Museo del contadino di Casa d’Ambra ci sono gli uffici e un punto degustazione della D’Ambra Vini. Anche questi ambienti, come tutto il Museo del resto, trasudano storia, quella dell’azienda vinicola più antica dell’isola d’Ischia con alcuni dei vini prodotti stabilmente inseriti nei circuiti enologici DOC e IGT.

Nella visita al Museo del Contadino è incluso un percorso più ampio che comprende anche la vista della cantina D’Ambra e un momento degustazione. della nota azienda vinicola Casa D’ambra.